My music... "Passenger" - All The Little Lights

Hello... translate my page...

venerdì, luglio 31, 2009

Finalmente venerdì !!





Vorrei cancellare un rimpianto.....se sono ancora in tempo...

giovedì, luglio 30, 2009

mercoledì, luglio 29, 2009

lunedì, luglio 27, 2009

Il buon giorno si vede dal mattino !

venerdì, luglio 24, 2009

SkyWatch... in the my mountain



Il Signore, quando ci dà un problema, ci invia la soluzione già dentro al problema stesso...

giovedì, luglio 23, 2009

martedì, luglio 21, 2009

lunedì, luglio 20, 2009

Principe di persia : le sabbie del tempo.-

May 2010

Jake Gyllenhaal : " I'm tired of taking myself so seriously... "
Prince of Persia: The Sands of Time is one of next year's big summer movies, so a few new posters showing the lovely Jake Gyllenhaal and the gorgeous Gemma Arterton are just the thing to bring a touch of sunshine to this otherwise cloudy day.-
Brothers
E' passato molto tempo da quanto, nel 2007, Jim Sheridan con Brothers, in America, annunciò un remake dell'acclamato film danese " Non desiderare la donna d' altri ", di Susanne Bier che allora vece tanto discutere.
Protagonista del film una coppia inedita al maschile, composta da Jake Gyllenhaal e Tobey Maguire, nelle vesti di due fratellastri dai rapporti travagliati.
Il film è stato ultimato già da tempo, ma solo il 18 dicembre 2009 riuscirà finalmente a vedere la luce.
Chi ha una buona memoria ricorderà che, ai tempi di Spider-Man 2, entrambi gli attori sono stati in lizza per il ruolo di protagonista quando Sam Raimi sembrava intenzionato a recastare il personaggio; Gyllenhaal è stato a un passo dall'ottenere la parte ma poi sappiamo tutti che non se ne è più fatto nulla.
Poco male, perchè l'attore ha ottenuto molti altri ruoli di rilievo, non ultimo quello di Prince of Persia nell'attesissimo kolossal.
In Brothers Tobey Maguire (Michael), interpreta un marine che viene mandato a combattere in Afghanistan mentre il suo fratellastro Jake Gyllenhaal (Jannik), si prende cura della moglie e delle figlie.
Quando il suo aereo viene colpito, Michael viene dato per morto e sua moglie si ricostruisce una vita con il cognato Jannik.
Fino a quando Michael non torna a casa...

mellow yellow...in the sky

MellowYellowBadge



venerdì, luglio 17, 2009

to m.u.L.

Non si è mai immuni da un ricordo.
Mai al sicuro, mai abbastanza lontani.
I ricordi a volte dormono a lungo, ingannano la nostra memoria, e ci sorprendono con le loro incursioni inaspettate, inimmaginate.
Mi sentivo invincibile, finalmente; al riparo da quei tumulti ciclopici e dirompenti.
E tutto ad un tratto, mi ritrovo travolta da un ricordo !
Improvviso, inatteso, ha schiantato tutta l'energia dell' onda del tempo su di me, travolgendo respiro, pelle, illusioni, certezze.
Mi ha sorpreso alle spalle, mi ha ingoiata.
Dove sono, adesso ?
Forse nel suo ventre, forse nella tela folle della mia mente, che aggrovigliata si contorce in atroci spasmi emotivi !
E i pensieri sono caleidoscopi indistinti, che velocissimi proiettano sensazioni ancora troppo vive per poterle sconfiggere, pulsanti in tutto il loro crudele esistere ancora.
Lacrime !
Lacrime gridano in questa ribelle sconfitta.
Il respiro abbandona le mie ali lacere...

martedì, luglio 14, 2009

sabato, luglio 11, 2009

Coffe for two

Gentili bloggers,
questa mattina faccio colazione con Mr. Gyllenhaal....
eh eh eh, non siate invidiosi !!

venerdì, luglio 10, 2009

Skywatch...in the my city




It's fantastic...


dal film: " Gran Torino " di Clint Eastwood

Ora veniamo al punto... e mi scuso per il linguaggio del testamento di Mr. Polansky, io mi limito a leggerlo.
Così è scritto:
"... e vorrei lasciare la mia auto del '71 Gran Torino a... alla persona che più la merita Thao: a condizione che tu non scoperchi il tetto come uno stronzo messicano, che non ci dipingi quelle ridicole fiamme gialle come qualsiasi coatto bianco e che non metti sul retro uno di quegli spoiler da checca che si vedono sulle auto degli altri musi gialli.
Fà veramente schifo.
Se riesci a non fare tutte queste cose, è tua ".

giovedì, luglio 09, 2009

...




Nulla è come appare...

martedì, luglio 07, 2009

My world....tuesday




Il mio mondo oggi, in attesa di Jacko...

lunedì, luglio 06, 2009

Fantasma di Jacko a Neverland, vero o falso?


Video trasmesso dalla CNN.-

  • Durante un servizio CNN al " Larry King Show "appare una misteriosa ombra... è il fantasma di Jacko?

" Sono in molti a sostenere di avere visto il fantasma di Michael Jackson aggirarsi per Neverland, la sua residenza da mille e una notte con annesso un parco di divertimenti. E quella che sembrava solo una follia, o uno scherzo alimentato da qualche fan delirante, ha acquistato un peso maggiore dopo che l' autorevole Cnn ha diffuso un video in cui si nota qualcosa di veramente strano. Per le stanze di Neverland, un' ombra si muove in modo innaturale, e le fattezze ricordano dav' vero il Re del Pop, Michael Jackson. "

  • FORSE GIA' OGGI IL FUNERALE PRIVATO -

Potrebbe tenersi già oggi, celato nel massimo riserbo, il funerale di Michael Jackson.

E' quanto riporta il sito Showbiz411, uno dei siti americani più informati per quanto riguarda il mondo dello spettacolo.

La famiglia Jackson avrebbe deciso di dare l'ultimo saluto al cantante con una cerimonia privata organizzata per oggi a Los Angeles alla quale parteciperebbero solo un numero ristretto di amici di Jackson, prima della grande cerimonia di domani allo Staples Center.

Secondo il sito, la polizia di Los Angeles avrebbe già disposto un potenziamento delle forze dell'ordine attorno al Forest Lawn Cemetery di Hollywood, dove Jackson dovrebbe essere sepolto.

Intanto è arrivata la conferma che alla commemorazione di domani sarà presente anche Lionel Richie, e che potrebbe essere eseguita una delle canzoni più famose di Michel Jackson, 'We Are the World', scritta appunto con Richie.

My mellow-yellow...in the rose

MellowYellowBadge

domenica, luglio 05, 2009

For Jacko....

MICHAEL JACKSON, STAPLES CENTER:
GRANDE COMMEMORAZIONE DI JACKO


Tutti in fila per accapararsi un posto allo STAPLES CENTER dove martedi 07 Luglio alle ore 10:oo di Los Angeles ( ore 19:oo in Italia ) avrà luogo la commemorazione solenne e pubblica in ricordo di Michael Jackson.
I posti in sorteggio per lo Staples Center sono solo 17.500, mentre in fan 1,6 milioni.

Il parco di Yellowstone...




Sequoie, montagne, oceano, deserti, canyon, foreste che cambiano colore.
Lo spettacolo è unico.
Da organizzare in tempo, però, per viverlo al meglio.
Seguendo i consigli di Traveller.
E' il primo (fondato nel 1872) e più grande parco nazionale statunitense.
Occupa un'area di quasi 9.000 Km quadrati, pari più o meno all'Umbria.
Un immenso territorio verde di cui ci si può fare un'idea percorrendo in auto i 230 Km del Grand Loop, la strada a forma di otto che lo attraversa da nord a sud e che si sdoppia in corrispondenza della spettacolare Mammoth Country, la zona termale caratterizzata da pozze fumanti e laghi bollenti a nordovest, e della Geyser Country a sudovest, con gli incredibili geyser (davanti all'Old Faithful troverete sempre folla, perché erutta a intervalli regolari di 74 minuti).
Se volete vedere gli orsi, simbolo di Yellowstone e indimenticata ispirazione per l'orso Yoghi dei cartoon di Hanna & Barbera, dovete dirigervi verso Hayden Valley e Fishing Bridge dove, contrariamente a ciò che suggerisce il nome, la pesca è proibita per evitare che i grizzly attacchino i pescatori per rubare le prede.
Comunque, non preoccupatevi troppo: è più probabile che nelle escursioni incontriate bisonti e cervi.

Dormire come i pionieri :
Per alloggiare nel parco si deve prenotare con molti mesi d'anticipo.
Il grande Old Faithful Inn, vicino all'omonimo geyser, è costruito con tronchi e pietra lavica del parco, ed è uno degli edifi ci più popolari d'America (tel. +1 307 3447311, travelyellowstone.com; 100-200 € senza colazione).
Subito fuori l'entrata est del parco, ai piedi del Cody Peak, c'è il Pahaska Tepee dove visse Buffalo Bill (tel. +1 307 5277701, pahaska.com; 60-130 € senza colazione).

Con i ranger :
I famosi guardiani del parco e la Yellowstone Association organizzano escursioni e lezioni naturalistiche open air in compagnia di biologi ed entomologi (tel. +1 307 3442293, yellowstoneassociation.org).

sabato, luglio 04, 2009

Independence Day

American Flag Pictures, Images and Photos

Il 4 luglio l’America si ferma per celebrare se stessa.
E’ un giorno che gli europei ed, in particolare, gli italiani fanno spesso fatica a comprendere fino in fondo.
Non è un semplice giorno di festa, non si tratta di " un giorno in più di vacanza " come, invece, è spesso per noi il 25 aprile.
E' un giorno che ogni americano è orgoglioso di celebrare.
E notate che si dice " celebrare " la festa del 4 luglio e non semplicemente " festeggiare " il 4 luglio, in quanto il verbo celebrare porta con sé tutta una serie di significati profondi, quasi un alone di sacralità, che, invece, la semplice parola festeggiare non riesce ad evocare.

Banalmente, si può dire che il 4 luglio si celebra la festa dell’indipendenza ( Independence Day ) delle colonie americane, ottenuta dall’Inghilterra nel 1776.

Questa è la data che, per un americano, segna la nascita della democrazia nel suo paese.
Questa è la data che segna la vera nascita degli Stati Uniti d’America e, poiché gli Americani si sentono profondamente attaccati alla loro patria, tanto da identificarsi interamente con essa, si può dire che il 4 luglio è la festa anche degli Americani stessi.

Leggi la Dichiarazione d’Indipendenza:
http://cronologia.leonardo.it/mondo200.htm

Come festeggiano gli Americani il 4 luglio ?

Ci sono alcune formule ricorrenti: barbecue, pic-nic o pranzi di famiglia.
Durante il 4 luglio è rigorosamente vietato stare da soli: la regola è riunirsi con la propria famiglia (anche se dall’altra parte della costa) o con gli amici più stretti.
Ci si ritrova in tarda mattinata (a seconda di cosa si è organizzato: barbecue, pic-nic o pranzo a casa), si canta l’inno nazionale tutti in fila e con la mano sul cuore e, nel pomeriggio, possibilmente ci si reca in strada o in un villaggio vicino per assistere alla tradizionale parata in costume a stelle e strisce e a festeggiare fino a sera, quando non mancherà lo spettacolo pirotecnico con fuochi d’artificio da far restare davvero senza fiato.

Chi non ha mai trascorso almeno un Independence Day negli States non penso possa riuscire realmente a capire quando si parla di " senso profondo di appartenenza " o di " spettacolo pirotecnico " mozzafiato. Molti italiani reputano una " pagliacciata " questa festa, mentre invece penso non la si possa giudicare tale almeno fino a quando non la si è vissuta in prima persona…

Los Angeles


Los Angeles si situa tra l'oceano e i monti Santa Monica, San Gabriel e Santa Ana.
Fu fondata nel 1781 con il nome di El Pueblo de Nuestra Senora la Reina de Los Angeles, da Felipe De Neve, governatore della California, che allora apparteneva al Messico.
Los Angeles viene anche chiamata "Città degli Angeli" e L.A. dagli abitanti.
Città degli eccessi e delle contraddizioni dove tutto può accadere.
Si raccomanda un mezzo di trasporto personale per spostarsi all'interno della città o al limite i bus (unico mezzo di trasporto pubblico) oppure i taxi, ma scordatevi di farla a piedi.


DA VISITARE :

- DOWNTOWN -
Arco Plaza è un enorme centro commerciale sotterraneo situato tra le torri gemelle Arco e la Bank of America.
Museum of Conteporary Art composto da cinque edifici, ospita opere famose come Rothko, Lichetnstin, De Kooning, Pollock.
Cinatown come in ogni alta grossa città si possono trovare ristoranti e negozi tipicamente cinesi.
Music Center sede della Los Angeles Philarmonic Orchestra, dovi ogni giorno si può assistere a diversi spettacoli di danza, musica e teatro.
Pico House la casa più antica che un tempo era l'hotel più prestigioso di L.A.
Nuestra Senora La Reina de Los Angeles è una chiesa cattolica, luogo da cui la città ebbe origine. Little Tokyo vi si trova la comunità giapponese più grande al di fuori dell'Asia.
Japanese American Cultural and Community Center ospita un giardino giapponese, una biblioteca e il Japan American Theater.
Wells Fargo History Museum vi sono esposte diligenze, pepite e fotografie che documentano i tempio della corsa all'oro.


- HOLLYWOOD -
Paramount l'unico studio cinematografico rimasto nella zona dove è possibile seguire le riprese di Talk Show e Sitcomedy.
Hollywood Walk of Fame la passeggiata delle celebrità realizzata nel 1958 dalla camera di commercio come segno di riconoscimento a coloro che hanno contribuito alla fortuna di Hollywood.
Sul marciapiede di marmo, vi sono ca. 2000 stelle d'ottone con il nome di celebrità.
Mann's Chinese Theater un cinema in stile cinese costruito nel 1927. Sul piazzale adiacente al teatro vi si possono ammirare imporente ed orme di famosi divi del cinema.Curiosità: il tutto è cominciato per caso dopo che l'attrice Norma Talmadge per l'innaugurazione del tatro finì accidentalmente su una gettata di cemento fresco.
Roosevelt è l'albergo che nel 1929 ospitò la prima cerimonia della consegna degli Oscar.

ALTRO DA VISITARE :- George Page La Brea Tar Pits museo preistorico che ospita olte a un milione e mezzo di reperti, tra cui anche mastodontici scheletri e fossili dell'era glaciale.
- Los Angeles Country Museum Of Art ospita un'importante collezione di dipinti impressionistici, di sculture e d'arte contemporanea.
- Armand Hammer Museum of Art ospita centinaia di capolavori tra cui opere di Goya, Monet, Cézanne, Van Gogh, ed altri ancora.
- Westside caratterizzata dall'eleganza delle strede, dei negozi e da un'intesa vita notturna.
- West Hollywood è il quartiere vivace e alla moda.
- Westwood Village che con i suoi ristoranti, negozi e librerie, ricalca lo stile del Greenwich
- Village di New Yorkun tempo redidenza invernale di Rockfeller .
- Westwood Memorial Park vi si trova la tomba di Marilyn Monroe.
- Beverly Center è un mastodontico centro commercilae dove al suo interno ci sono oltre 200 negozi, 13 ristoranti, 15 cinema, teatri e per finire una discoteca.
- Sunset Strip è da sempre il cuore della vita notturna.
- Beverly Hills famosa per i suoi quartieri residenziali dove vivono attori e celebrità.
- Rodeo Drive si trovano le boutique più chic e alla moda di Los Angeles.

My SkyWatch...in the cloud




Translatemypage: